Istat: in Italia quasi 61 mln residenti, 8, 3% stranieri

Al primo gennaio 2015 i residenti nel nostro Paese sono poco meno di 61 milioni, dei quali oltre 5, corrispondenti all’8,3% del totale, sono cittadini stranieri.
E’ quanto emerge dall’ultimo Rapporto Annuale dell‘Istat, secondo cui oltre il 40% degli immigrati vive nelle citta’ del centro-nord: romeni, albanesi, marocchini e cinesi le quattro comunita’ piu’ diffuse. Piu’ della meta’ degli stranieri over 14 dichiara di trovarsi “bene” da noi e piu’ di un terzo di trovarsi “molto bene”, seppure con forti differenze territoriali.
I cinesi sono quelli che riferiscono una condizione peggiore: prendendo a riferimento la loro comunita’, si calcola che i filippini hanno il quadruplo delle possibilita’ di trovarsi bene in Italia, gli ucraini e i romeni il triplo, gli albanesi, i polacchi, i moldavi, gli indiani, i tunisini e i marocchini poco piu’ del doppio. Non si notano differenze tra uomini e donne mentre hanno un effetto favorevole su una percezione molto positiva l’essere occupato e il possesso di un titolo di studio.

La maggior parte degli immigrati fonda la propria rete di relazioni soltanto sui familiari (59%), il 12,4% puo’ contare oltre che sui familiari anche su amici, colleghi di lavoro e vicini di casa, il 9,3% trova riferimenti importanti anche tra persone appartenenti ad associazioni o gruppi. Tra i bambini (6-13 anni), tra i quali c’e’ una forte presenza di seconde generazioni, molti hanno amici sia italiani che stranieri (83%); circa uno su 10 ha amici soltanto italiani, mentre il 2,6% ha soltanto amici connazionali. Per sette bambini stranieri su 10 il miglior amico e’ un italiano. (AGI)

Redazione
Informazioni su

"Narrate, uomini, la vostra storia!" (A. Savinio).

Pubblicato in Migrador Attualità Taggato con: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Current ye@r *